Now Reading
Yemen, 26,5 milioni di persone alla fame. Crisi umanitaria senza precedenti

Yemen, 26,5 milioni di persone alla fame. Crisi umanitaria senza precedenti

crisi Yemen

La crisi umanitaria in Yemen sta raggiungendo il culmine, con 26,5 milioni di persone costrette alla fame.
La tregua militare concordata ad aprile 2022 – di cui si attende il rinnovo, il 2 agosto, dopo 7 anni di conflitto (1) – non basta a mitigare la crisi.

Il Paese dipende per il 90% dalle importazioni e l’80% della popolazione dagli aiuti, ma i prezzi alimentari sono volati alle stelle (+48% in 6 mesi) e la comunità internazionale offre solo il 27% di quanto richiesto dalle Nazioni Unite. (2)

2 milioni di donne e bambini

Il 56% dei 4,3 milioni di sfollati – tra cui 2 milioni di donne e bambini – non ha alcuna fonte di reddito ed è esposto al rischio di malnutrizione estrema. 19 milioni di persone sono già alla fame e altri 7,5 milioni potrebbero ritrovarsi senza cibo nei prossimi mesi.

Alla siccità estrema si aggiungono la svalutazione del rial (+28% da gennaio 2022) e speculazioni internazionali sulle commodities alimentari. (3) Tra marzo e giugno 2022 il prezzo degli alimenti di base ha superato ogni limite: olio +45%, farina e fagioli in scatola +38%, latte in polvere e zucchero +36%, uova +35%, riso +30%.

Yemen, crisi alimentare senza precedenti

Non si erano mai raggiunti questi aumenti. Forse solo durante l’embargo imposto al Paese dalla coalizione saudita, ma mai per un periodo così prolungato‘, spiega Francesco Petrelli, policy advisor per la sicurezza alimentare di Oxfam Italia.

Mentre silos e magazzini sono ormai quasi vuoti, le aziende importatrici non sono in grado di garantire l’acquisto dei beni alimentari di base da cui dipende la sopravvivenza di 30 milioni di yemeniti‘.

Agricoltura e allevamento fermi

Anche i prezzi della benzina e del diesel sono aumentati del 43% nel primo trimestre dell’anno. Elemento che sommato alla siccità fuori stagione, causata dall’aumento delle temperature globali, ha messo in ginocchio agricoltura e allevamento.

Una larga fascia della popolazione ha in questi due settori la sua unica fonte di reddito, ma in questo momento i raccolti sono andati distrutti o sono stati ritardati e il bestiame sta morendo’ (Francesco Petrelli, Oxfam Italia).

Aiuti alimentari tagliati

Il World Food Program (WFP) ha comunicato, il 4.7.22, di essere costretto a tagliare gli aiuti alimentari a 5 milioni di persone, le quali adesso devono ora sopravvivere con metà del cibo necessario a soddisfare il fabbisogno giornaliero minimo.

Altri 8 milioni di persone andranno avanti con appena un quarto del fabbisogno quotidiano. Con la conseguenza che centinaia di migliaia di famiglie si stanno indebitando anche solo per acquistare il pane quotidiano.

La testimonianza di una madre

Non abbiamo quasi nulla da mangiare, perché costa troppo – racconta a Oxfam Arwa, una madre che vive sola con due figli e prende cura anche di madre e sorella. ‘Io e mia madre spesso saltiamo i pasti per riuscire a sfamare i bambini.

Prima ci potevamo permettere di mangiare ogni tanto pollo o pesce e di rado altri tipi di carne. Ora non abbiamo soldi per comprare nemmeno le verdure, riusciamo ad acquistarne circa la metà rispetto ad un anno fa’.

Appello alla comunità internazionale e alle parti in conflitto

In questo momento è cruciale che la comunità internazionale intervenga, pagando direttamente le importazioni di grano e cereali e alleggerendo il peso del debito estero del Paese. Altro elemento imprescindibile è che la tregua, che scadrà il 2 agosto, venga prorogata.

Chiediamo con forza alle parti in conflitto di andare in questa direzione, come parte di un processo negoziale che porti ad una pace duratura. La popolazione dello Yemen ha già sofferto in modo indicibile negli ultimi 7 anni e mezzo e adesso deve essere messa nelle condizioni di rialzarsi’ (Francesco Petrelli, Oxfam Italia).

See Also
consultazione libertà dei media

Il lavoro di Oxfam

Oxfam sta aiutando la popolazione dello Yemen a poter contare su un reddito, cibo, acqua pulita, servizi igienico-sanitari ed energia a basso costo (attraverso panelli solari, sia nelle case che al servizio delle comunità).

Chi ha la possibilità di contribuire al lavoro di Oxfam in Yemen – che dal 2021 a oggi ha fornito sostegno a oltre 23 mila famiglie – può eseguire una donazione seguendo questo link.

Grazie!

Dario Dongo

Note

(1) Crisi alimentare Siria e Yemen, 30 milioni di bocche da sfamare. Appello di Oxfam

(2) UN Office for the Coordination of Humanitarian Affairs (OCHA). Yemen Humanitarian Response Plan 2022 (April 2022). https://reliefweb.int/report/yemen/yemen-humanitarian-response-plan-2022-april-2022

(3) Marta Strinati. Aumento dei prezzi e crisi alimentare in tempo di guerra. Retroscena nel rapporto iPES FOOD. GIFT (Great Italian Food Trade). 10.5.22.

+ mostra gli articoli

Dario Dongo, avvocato e giornalista, PhD in diritto alimentare internazionale, fondatore di WIISE (FARE - GIFT – Food Times) ed Égalité.

© 2019 Égalité Onlus,
no-profit Organization
Lungotevere di Pietra Papa 111
00146 Roma
Codice Fiscale 96411760588
  Licenza Creative Commons
Égalité è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale
Scroll To Top
Translate »